Programma

Indirizzo telematico della piattaforma utilizzata: https://fad-psd.grupposandonato.it

 

DESCRIZIONE EVENTO: Il Decreto Legislativo 101/2020, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana il 12 agosto 2020 ed entrato in vigore il 27 agosto dello stesso mese, abroga e sostituisce tutti i decreti precedenti in materia di radioprotezione facendo confluire in un unico dispositivo legislativo le norme fondamentali di sicurezza contro i pericoli derivanti dalle esposizioni a radiazioni ionizzanti. Disciplina pertanto sia le esposizioni mediche che le esposizioni professionali e della popolazione. Per quanto riguarda la protezione dei lavoratori, questo decreto cerca un allineamento ed un’integrazione con la legge 81/08 nell’ottica di coordinare le misure volte alla sorveglianza della sicurezza.  Nell’art. 109 il legislatore dice che il datore di lavoro deve garantire le condizioni per la collaborazione tra l’Esperto di Radioprotezione ed il Responsabile del servizio di prevenzione e protezione, e addirittura per la prima volta viene riportato un elenco di attività strettamente legate alla sicurezza che il datore di lavoro non può delegare:

  1. a) valutazione preventiva del rischio radio indotto;
  2. b) nomina dell’esperto di radioprotezione;
  3. c) nomina del medico autorizzato.

Come nella legge precedente, il datore di lavoro deve provvedere affinché ciascun lavoratore soggetto ai rischi derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti riceva una adeguata informazione, esplicitando però che detta informazione deve essere finalizzata alla conoscenza di:

  1. a) rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro connessi all’attività svolta;
  2. b) nominativi del medico autorizzato e dell’esperto di radioprotezione;
  3. c) rischi specifici cui è esposto in relazione all’attività svolta, sulle norme interne di protezione e sicurezza, sulle disposizioni aziendali in materia e sulle conseguenze legate al loro mancato rispetto;
  4. d) misure e attività di protezione e prevenzione adottate;
  5. e) importanza dell’obbligo, per le lavoratrici esposte di comunicare tempestivamente il proprio stato di gravidanza;
  6. f) importanza per le lavoratrici esposte di comunicare l’intenzione di allattare al seno un neonato.

Infine per quanto riguarda i corsi di formazione, l’art. 111 elenca i concetti che devono essere affrontati, in particolare il corso è costituito da una parte generale ed una specifica nella quale vengono affrontati i problemi correlati alle diverse realtà lavorative.

 

Nella parte generale verranno affrontati i seguenti temi:

  1. a) i concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione, organizzazione della radioprotezione aziendale, diritti e doveri dei vari soggetti aziendali, organi di vigilanza, sorveglianza e assistenza;
  2. b) i rischi riferiti alle mansioni, ai possibili danni sanitari e alle conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione tipici delle pratiche in cui i lavoratori sono coinvolti;
  3. c) il significato dei limiti di dose nonché i potenziali rischi associati al loro superamento;
  4. d) le circostanze nelle quali sono richieste la sorveglianza fisica e sanitaria e gli obiettivi delle stesse.

 

Nella parte specifica:

a) le procedure di lavoro da utilizzarsi in relazione alle mansioni svolte;

b) l’uso corretto dei dispositivi di protezione individuale in dotazione, nonché le modalità del loro controllo e verifica;

c) i comportamenti da tenere nell’attuazione dei piani e delle procedure di emergenza.

 

OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI: Tale evento formativo, in rispondenza ai dettami della normativa, viene articolato attraverso la presentazione dei concetti di seguito riportati con specifico riferimento al D.LGS 101/2020 e s.m.i. Nella fattispecie i seguenti argomenti:

a) i concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione, organizzazione della radioprotezione aziendale, diritti e doveri dei vari soggetti aziendali, organi di vigilanza, sorveglianza e assistenza;

b) i rischi riferiti alle mansioni, ai possibili danni sanitari e alle conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione tipici delle pratiche in cui i lavoratori sono coinvolti

c) il significato dei limiti di dose nonché i potenziali rischi associati al loro superamento

d) le circostanze nelle quali sono richieste la sorveglianza fisica e sanitaria e gli obiettivi delle stesse

e) le procedure di lavoro da utilizzarsi in relazione alle mansioni svolte

f) l’uso corretto dei dispositivi di protezione individuale in dotazione, nonché le modalità del loro controllo e verifica

g) i comportamenti da tenere nell’attuazione dei piani e delle procedure di emergenza

 

PROFESSIONISTI COINVOLTI:

 

AZIENDA

CATEGORIA PROFESSIONALE

Gruppo Ospedaliero San Donato

Infermiere

 

Infermiere Pediatrico

 

TSRM

 

Medico specialista in Radiodiagnostica / Neurochirurgia / Urologia / Anestesia e Rianimazione / Gastroenterologia / Cardiologia / Chirurgia Vascolare / Chirurgia Toracica / Cardiochirurgia / Ortopedia e Traumatologia

 

Altre figure (non ECM)

TOTALE partecipanti

200

RESPONSABILE SCIENTIFICO

DOTT. DAVIDE RIZZARDI - Procuratore con delega esecutiva per Salute Ambiente e Sicurezza di alcune strutture del Gruppo Ospedaliero San Donato

 

AUTORE DI TESTO

DOTT.SSA ANTONELLA DEL VECCHIO – Fisico Sanitario Ospedale San Raffaele

 

DURATA FAD: 45 minuti dal 13/06/2021 al 31/12/2021

 

IL CORSO È’ ARTICOLATO IN 2 MODULI:

Modulo 1 Parte generale (21 min e 10 sec):

  • Cosa vuole dire «radiazioni»
  • Scopo della radioprotezione
  • Irradiazione esterna ed interna
  • I concetti di pericolo rischio e danno
  • La radioprotezione del lavoratore dal punto di vista legislativo: compiti e responsabilità delle diverse figure coinvolte
    1. Datore di Lavoro
    2. Dirigenti e Preposti
    3. Esperto di Radioprotezione
    4. Medico Autorizzato
    5. Lavoratore
  • Il concetto di lavoratore esposto
  • La classificazione dei lavoratori
  • La classificazione delle aree di lavoro

 

Modulo 2 Parte Specifica (23 min e 47 sec):

  • Le fonti di esposizione in radiodiagnostica
  • Come ci si protegge dalle radiazioni
  • Il Rischio associato alle pratiche di radiodiagnostica
    1. Procedure radioscopiche: (angiografia e radiologia interventistica)
    2. Attività radiologica convenzionale
    3. Mammografia
    4. Esami su pazienti allettati
    5. TAC TC
  • I Dispositivi di protezione attivi e passivi
  • La dosimetria personale
  • Le Norme interne di radioprotezione
  • Le Procedure d’emergenza

 

MATERIALE DIDATTICO UTILIZZATO: slide audio video

 

 

Informazioni

Mezzi tecnologici necessari

Computer (pc oppure Mac) con collegamento internet e casse audio.

Si consiglia l'utilizzo del browser Google Chrome per l'utilizzo della piattaforma FAD.

Procedure di valutazione

Eventuali test presenti a fine modulo non incidono sul superamento del corso.

Test di valutazione finale composto da 5 domande ognuna delle quali con 4 risposte di cui 1 sola esatta.

Il partecipante ha a disposizione 5 tentativi. Ad ogni tentativo il set di domande cambia.

In caso di non superamento anche al 5° tentativo, il partecipante deve ripetere la fruizione di tutti i contenuti del corso.

Il corso si considera superato con 4 risposte esatte su 5 e dopo aver compilato il questionario di customer satisfaction.

 

 

Elenco delle professioni e discipline a cui l'evento è rivolto

Medico chirurgo

  • Anestesia e rianimazione
  • Cardiochirurgia
  • Cardiologia
  • Chirurgia toracica
  • Chirurgia vascolare
  • Gastroenterologia
  • Neurochirurgia
  • Ortopedia e traumatologia
  • Radiodiagnostica
  • Urologia

Infermiere

  • Infermiere

Infermiere pediatrico

  • Infermiere pediatrico

Tecnico sanitario di radiologia medica

  • Tecnico sanitario di radiologia medica

Altro (non ECM)

  • Altro (non ECM)

Operatore Socio Sanitario

  • Operatore Socio Sanitario
leggi tutto leggi meno